Costanza Boccardi

Costanza Boccardi  – Docente di Recitazione

Diplomata in Regia alla Civica Scuola d’arte Drammatica Paolo Grassi di Milano (1989), laureata in Lettere e Filosofia (DAMS) presso l’Alma Mater Studiorum di Bologna (1996), ed ha frequentato il Master di organizzazione teatrale dell’Ente Teatrale Italiano presso il Teatro della Pergola (1997).

Ha lavorato come aiuto regista per Massimo Castri (1989-90) nel progetto Atelier della Costa Ovest e come regista per il Maggio Musicale fiorentino per l’ Histoire du soldat (1991).

Dal 1988  è socia della cooperativa Teatri Uniti dove inizia la sua pluriennale collaborazione come aiuto regista con  Mario Martone (La seconda generazione 1988, Terremoto con madre e figlia 1993 e I sette contro Tebe 1996); Andrea Renzi (Una solitudine troppo rumorosa 1996, Le avventure di Pinocchio 2001, Santa Maria d’America 2004, Giorni felici 2013) e Toni Servillo (Natura morta 1990, Zingari 1993, Le false confidenze 1998/2005, Tartufo 2000,  Trilogia della villeggiatura 2008,  Le voci di dentro 2013, Elvira 2016).

In  cinema  lavora come assistente alla regia per Morte di un matematico napoletano (1992) e L’amore molesto (1995) di Mario Martone; segretaria di edizione per Il verificatore (1995) e L’uomo di carta (1996) di Stefano Incerti e per la parte teatrale di Teatro di guerra (1998) di Mario Martone. Ha curato la direzione del casting per  L’uomo in più (2001) e Le Conseguenze dell’amore (2004) di Paolo Sorrentino, Gomorra (2008) di Matteo Garrone, Gorbaciòf di Stefano Incerti (2010),  La kryptonite nella borsa (2011) di Ivan Cotroneo, Love is all you need (2012) di Suzanne Bier, Un castello in Italia (2013) di Valeria Bruni Tedeschi,  Mozzarella stories (2011), Indivisibili (2015), Il vizio della speranza (2018) di Edoardo De Angelis, Cinque è il numero perfetto (2018) di Igor Tuveri.

Come organizzatrice si occupa di rassegne teatrali e di danza per conto dell’Ente Teatrale Italiano, (progetto Aree disagiate),  per la Provincia di Napoli (XII Biennale dei giovani artisti del Mediterraneo, 2005) ed altre organizzazioni. Insieme ad Onorevole Teatro Casertano si è occupata del recupero e della riapertura dello storico Teatro Garibaldi di Santa Maria Capua Vetere (1999-2002).